Cento anni dopo la pubblicazione del De falso credita et ementita Constantini Donatione, Agostino Steuco cercò di confutare l'opera del Valla, riscuotendo successi, ma anche molteplici critiche da parte dei Luterani.