La polemica sul volgare trova rinnovato vigore nel pensiero di Girolamo Muzio, in particolare nelle lettere indirizzate da un lato a Gabriello Cesano e Bartolomeo Cavalcanti sulla superiorità di Giovanni Boccaccio rispetto a Niccolò Machiavelli e dall’altro in quella indirizzata a Renato Trivulzio in cui, invece, attaccando in particolare Claudio Tolomei, discute delle differenze tra toscanizzazione e fiorentinizzazione

La polemica del Vergerio si struttura, fin dalle prime righe (p. 3) come una risposta all’ambasciata del cardinale Madruzzo